Autostima: cos'è e 10 tecniche per migliorarla

L'autostima riguarda l'opinione che abbiamo di noi stessi, un apprezzamento soggettivo del nostro valore. Pertanto, intendiamo l'autostima come il concetto che abbiamo del nostro valore, basato sui sentimenti, pensieri, sensazioni ed esperienze che abbiamo in relazione a noi stessi.

Secondo Walter Riso, esperto in materia e autore di diversi libri sulla dipendenza emotiva, i quattro pilastri e le componenti che compongono l'autostima sono concetto di sé, immagine di sé , auto- rinforzo e autoefficacia .

Definizione di autostima

Che cos'è veramente l'autostima?

L'autostima è il concetto che abbiamo del nostro valore e si basa su tutti i pensieri, sentimenti, sensazioni ed esperienze che abbiamo raccolto su noi stessi durante la nostra vita; pensiamo di essere intelligenti o meno intelligenti, che ci piaccia o no .

Le mille impressioni, valutazioni ed esperienze così raccolte si fondono in un sentimento positivo verso noi stessi o, al contrario, in una spiacevole sensazione di non essere ciò che ci aspettavamo. Il concetto che abbiamo di noi stessi non è qualcosa di ereditato, ma appreso da ciò che ci circonda, attraverso la valutazione che facciamo del nostro comportamento e l'assimilazione e interiorizzazione dell'opinione degli altri su di noi. L'importanza dell'autostima sta nel fatto che ci spinge ad agire, ad andare avanti e ci motiva a perseguire i nostri obiettivi.

L'autostima non dipenderà mai da ciò che hai , da ciò che sai o da ciò che sei, dipenderà sempre dall'accettazione personale .

L'autostima si evolve mentre viviamo nuove esperienze. Dai bambini stiamo costruendo il concetto di noi stessi man mano che cresciamo, si forma un'idea di chi siamo, che ci piaccia o no, che veniamo accettati o meno. Il bambino creerà aspettative sulle sue possibilità. Ti sentirai bene con te stesso o, al contrario, disgustato da quello che fai.

È quindi in tenera età che si plasma il concetto di sé, l'emozione e il sentimento verso la propria persona e, sebbene ciò non sia del tutto immutabile, è in questa fase che si stanno creando delle basi durature nel tempo. Il bambino qui confronta il suo sé reale con il suo sé ideale e si giudica da quanto bene soddisfa gli standard sociali e le aspettative che ha formato su se stesso e da quanto bene si comporta.

Gli eventi che hanno la maggiore influenza sono di solito quelli che hanno segnato la nostra infanzia, come il modo in cui i nostri genitori, insegnanti o amici ci hanno trattato.

Sviluppa la tua crescita personale con la quale potrai ritrovarti meglio con te stesso con il nostro  corso di autostima .

La caratteristica principale dell'autostima è che NON è innata, cioè si forma, si sviluppa e si modifica con l'esperienza e per tutta la vita. Pertanto è molto influenzato dal nostro contesto.

In questo modo la persona finirà per sviluppare un'alta e sana autostima o, al contrario, una bassa autostima .

Componenti dell'autostima

  • Componente cognitiva:  cosa pensiamo di noi stessi. Include l'opinione, le idee e le convinzioni che si hanno sulla propria personalità, comportamento e se stessi.
  • Componente affettiva:  giudizio elaborato su ciò che proviamo, qualità personali, risposta affettiva alla percezione di sé.
  • Componente comportamentale:  cosa facciamo, la nostra decisione e intenzione di agire.

Come migliorare l'autostima?

Quando una persona ha una bassa autostima , non si ama, non si accetta e non apprezza le sue qualità che molte volte non riuscirà a vederle. Probabilmente smette di andare alle riunioni sociali, smette di provare cose nuove e di affrontare sfide per paura di non raggiungerle poiché probabilmente crede che non sarà in grado di raggiungerle e manca di fiducia nella sua vita quotidiana.

Di seguito ti diamo 10 tecniche, questi esercizi se li metti in moto ti aiuteranno ad aumentare l'autostima . È sempre un buon momento per iniziare ad applicare questi esercizi! Lavora sulla tua autostima con le seguenti attività! ?

Cerca e trova l'origine della tua bassa autostima

Come direbbe un buon architetto, non puoi far partire la casa dal tetto , quindi per migliorare la tua autostima dovrai prima trovare l'origine di tutto. Qualche consiglio in merito? chiediti almeno fino a tre volte il " perché?" delle tue paure

Perché ho paura di andare al colloquio di lavoro? Perché non mi prenderanno. Perché penso che non mi prenderanno? Perché non sono competente. Perché penso di non essere competente? Perché da bambino ho fallito molto e mi hanno detto che non avrei mai avuto niente a che fare con il lavoro. Bingo! Ecco qua .

Ti piacerebbe uscire dal circolo vizioso dei pensieri negativi?

Scopri le abilità per esaltare le tue emozioni positive nel nostro Corso di Laurea in Autostima e Psicologia Positiva

Basato su strumenti con validazione scientificaVoglio ricevere il Dossier

Fallo, prova anche se potresti fallire

L'essere umano tende a evitare ea non affrontare ciò che teme e gli fa paura, questa è la via d'uscita più semplice, veloce e facile nel breve termine poiché elimina l'ansia che la situazione provoca.

Bene, ora è noto che il principale nemico della nostra bassa autostima è semplicemente non fare nulla. Ed è stato dimostrato che l'autostima non dipende dal risultato delle tue azioni. Dipende solo da cosa fai. In questo modo, l'autostima aumenta quando affronti le circostanze e diminuisce quando le eviti. Così semplice.

Sostituisci i tuoi obiettivi con valori

A volte non raggiungere obiettivi molto marcati e desiderati può portare alla frustrazione e al sentirsi inutili, questo non accade quando sono i valori e non gli obiettivi a segnare la nostra direzione nella vita.

Vediamolo con un esempio concreto: immagina di prepararti per un'opposizione, di studiare da mesi e mesi e di fare meno progetti per il tempo libero; In questo caso, i tuoi valori sono lo sforzo, la perseveranza, l'auto-miglioramento, la capacità di sacrificio, la forza di volontà e la responsabilità, tra gli altri.

Se alla fine non superi l'esame e non ottieni il posto, i valori che hai mantenuto in questa fase della tua vita saranno sempre lì per farti sentire molto orgoglioso. Quindi come si suol dire: "l'importante non è vincere, ma partecipare"

identifica i tuoi punti di forza

Oggi sappiamo che ognuno di noi nasce con una serie di qualità, caratteristiche innate o punti di forza che sono i nostri punti di forza, sono quelle abilità in cui sei particolarmente bravo, il problema arriva quando la persona con bassa autostima lo fa non crede di averli e inoltre è molto difficile per lui identificarli.

l'autostima

Qui lanciamo questa attività per trovare i tuoi punti di forza:

Esercizio 1

  • Pensa a 5 traguardi che hai raggiunto nella tua vita: finire la laurea, lavorare nel settore che volevi, imparare una terza lingua, suonare uno strumento musicale, imparare a cucinare da solo, riuscire a sedurre il tuo partner... Se hai un è difficile trovarli È perché non sei generoso con te stesso, quindi immagina che il successo sia stato raggiunto da un amico, cosa diresti? Come lo riconosceresti?
  • Quindi pensa a quali caratteristiche personali positive sono necessarie per raggiungere ciascuno di questi risultati: curiosità, iniziativa...
  • Ce l'hai già, questi sono i tuoi punti di forza!

Esercizio 2

La gratitudine è un punto di forza strettamente legato all'autostima, prova questa tecnica per praticarli.

  • Lettera a una persona molto cara: L'attività consiste nello scrivere a te stesso una lettera descrivendoti in terza persona. Hai 20 minuti per completarlo. Dopo quello spazio, alla persona viene chiesto come si è sentita e cosa ha imparato su se stessa.

“Non vedo l'ora che arrivi venerdì perché ti presenterò una persona che amo molto. Il suo nome è (inserisci qui il tuo nome)……… ed è (descrivi le caratteristiche fisiche, psicologiche e sociali positive di te stesso che ti piacciono).

Poi continua a descriverti in terza persona come se la lettera fosse stata scritta da una persona che ti ama moltissimo.

Quello che mi piace di più di lui/lei è che ………………………

Alcune delle persone che lo amano di più sono...

Quello di cui sei più orgoglioso è...

Quello di cui avrei bisogno per sentirmi più a mio agio con me stesso e con più autostima è smettere…………

Conclude scrivendo testualmente il seguente paragrafo: “Penso che si stupirebbe se sapesse quanto è importante e speciale per me, perché la verità è che è la persona con cui ho il rapporto più stimolante, appassionato e duraturo di la mia vita."

Trasforma i tuoi pensieri negativi in ​​risposte razionali

Il nostro dialogo interno è fondamentale quando si tratta di costruire la nostra autostima.

Nelle persone con una sana autostima questo dialogo è generalmente amichevole, positivo e confortante. Ma in quelle persone con bassa autostima diventa il contrario, appare una voce che costantemente critica, punisce e disprezza i risultati raggiunti.

Questa voce interiore è irrazionale e tende a interpretare qualsiasi situazione nel peggiore dei modi, anche quando non ci sono prove oggettive per giungere a tale conclusione.

Cosa dobbiamo fare? Rileva quei pensieri irrazionali e negativi su di te e metti in discussione la loro obiettività, cambiandoli per quelli più realistici e oggettivi. Sarà tempo di metterli alla prova affinché la tua ragione li superi. È una vera minaccia o è del tutto infondata?

Identifica in quali situazioni appaiono e cosa ti dicono esattamente. I tuoi pensieri negativi di solito sono sempre gli stessi, quindi come ti fanno interpretare le situazioni?Quali emozioni ti provocano?

Più comprendi le emozioni che ti provocano, meno potere hanno su di te e questo significa che riconoscere l'emozione che provi ne riduce l'impatto.

Regalo: Guida pratica in 3 passaggi

Scopri come iniziare a divertirti di più e sentirti meglio con esercizi di psicologia positiva.Scarica Esercizi

Separati dalle tue paure

Quando compare la paura, non ignorarla, non bloccarla, non distrarla, facendo finta che non esista, no, liberatene!

È importante che tu capisca che non siamo ciò che pensiamo e che quando pensiamo qualcosa non significa che accadrà. O è che pensando di vincere alla lotteria, alla fine vinci? No;   siamo semplici osservatori dei nostri pensieri.

La nostra mente ama bombardarci di pensieri negativi e il tuo compito è smettere di identificarti con loro, in questo modo perderanno tutto il loro potere.

Come possiamo esercitarci? Quando la paura ti invade:

  1. Non bloccare il pensiero che causa quella paura. Dagli spazio e sentilo.
  2. Conosci la tua paura. Dagli un nome e immagina come sarebbe la sua forma fisica (se lo disegni ancora meglio).
  3. Usa la tecnica della consapevolezza per lasciarla fluire e andare. Potete immaginare una sorgente d'acqua che trascina delle foglie. Visualizza la tua paura sopra una foglia mentre il fiume la spazza via e scompare lentamente. All'inizio avrai bisogno di pratica, ma con il tempo la otterrai.

Perdona te stesso, pratica l'auto-compassione

Per migliorare l'autostima, è fondamentale imparare a perdonare noi stessi per i nostri errori; Come si dice in psicologia, pratica l'auto-compassione.

L'autocompassione è strettamente correlata al concetto di sé (uno dei quattro elementi che compongono l'autostima) e consiste nel trattarsi con la stessa empatia con cui tratteresti il ​​tuo migliore amico. Cioè, datti supporto e sii comprensivo con te stesso, invece di criticarti e giudicarti costantemente. Implica imparare a calmarti e consolarti per riprovare, invece di punirti ogni volta che commetti un errore.

Ci sono molti esercizi e attività per sviluppare l'auto-compassione, ma il più semplice è parlare a te stesso come faresti con un amico che sta attraversando un momento difficile. In questo modo inizierai a vedere i tuoi problemi come qualcosa che stai vivendo e non come qualcosa che ti definisce.

Scatteresti a un amico che è inutile o incapace di fare qualcosa di giusto? Sicuramente no, vero?

Bene, metti insieme le tue azioni e ogni volta che ti ritrovi a punirti, sostituisci la tua voce critica con frasi compassionevoli . La tua autostima ti ringrazierà.

Tira fuori il petto! Aumenta la tua sicurezza con le pose di potenza

Sapevi che il tuo linguaggio del corpo non verbale influenza il tuo umore? Ebbene sì e molto. In questo modo, quando ti senti giù, lo esprimi (spesso senza accorgertene) rimpicciolendo il tuo corpo, il che ti fa sentire ancora più giù.

Per migliorare questo aspetto, prova a usare una postura eretta ed espansiva quando ti senti triste o giù di morale. Questi tipi di pose (testa sollevata, spalle indietro e mani sui fianchi) sono chiamate power pose, ed è stato dimostrato che tenerle per soli due minuti è sufficiente per aumentare la tua sicurezza , sentirti meglio e sicuro di te stesso.

Queste posizioni sono in grado di aumentare i livelli di testosterone del 20% e di diminuire il cortisolo (l'ormone dello stress e dell'ansia) del 25%. Insomma, sarai riuscito ad aumentare la tua autostima e guadagnare diversi punti nel tuo benessere.

fare esercizio

I risultati del più ampio studio condotto sull'esercizio e sull'autostima hanno mostrato che, fintanto che è di media intensità, la pratica sportiva aumenta l'autostima nel breve termine.

Bastano trenta minuti di esercizio aerobico moderato al giorno per ridurre i livelli di cortisolo e aumentare il proprio benessere grazie al rilascio di endorfine. Vai avanti!

Il mondo non gira intorno a te, pensa di più agli altri

Per sentirti meglio quando ti senti un po' giù, smetti di pensare a te stesso e al tuo disagio tutto il tempo e cerca di rivolgere la tua attenzione verso l'esterno. Ed è che pensare solo ai tuoi problemi non ti fa alcun favore, non farà che peggiorare la situazione.

Se sei interessato ad approfondire e hai bisogno di un supporto esterno per aumentare la tua autostima, non esitare a contattarci tramite un orientamento online gratuito (c'è un'opzione di persona nelle nostre diverse delegazioni). In cui potrai avere uno spazio individualizzato con uno psicologo esperto che ti guiderà per affrontare le problematiche che ti riguardano e per poter trovare insieme la soluzione.

Come ottenere una sana autostima: Podcast

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…