Come sviluppare l'intelligenza emotiva

L' intelligenza emotiva , come spieghiamo in questo articolo, si riferisce alla capacità che le persone hanno di riconoscere i propri sentimenti e quelli degli altri.

Abbiamo già spiegato che l'Intelligenza Emotiva può essere addestrata per migliorarla. Ed è che vari studi ci hanno spiegato che grazie alla plasticità neuronale, la capacità del cervello di cambiare a qualsiasi età, è possibile apprendere l'empatia e la gestione emotiva.

Quindi qui vi lasciamo otto chiavi per questo.

Chiavi per sviluppare l'intelligenza emotiva

Alzati e cerca il brivido

Nel mondo e nella società in cui viviamo, è molto comune indossare il "pilota automatico" , lasciandoci trasportare dalla routine e vedendo bloccare le emozioni.

Molte volte è come se vivessimo in modalità robot, scollegati dalle nostre emozioni, principalmente quelle meno positive perché non ci piace soffrire o provare dolore e ci viene insegnato ad isolarci da esse per proteggerci.

Dobbiamo cambiare il chip e questo modo di attraversare il mondo, le emozioni non possono essere eliminate, fanno parte di noi, quindi la cosa ideale e più consigliata è imparare a connetterci con loro.

Quando qualcosa ti fa agire o sentire in un certo modo, fermati per un secondo, rifletti sull'emozione che c'è dietro e trova la sua fonte. All'inizio è inevitabile che ti costerà, ma a poco a poco vedrai come con la pratica è più facile di quanto pensassi a priori.

Ti diamo una lezione

Scopri il nostro Corso di Mindfulness e Gestione Emotiva

Iscriviti e scopri le tecniche per lavorare sull'intelligenza emotiva e sulla consapevolezza.Ricevi Regalo

Aumenta la tua lingua e il tuo vocabolario emotivo

Ci sono da 4 a 6 emozioni di base e da cui tutte le altre vengono create e sviluppate. Quindi vai oltre, cerca di concretizzare ed essere il più specifico possibile per poter identificare la tua emozione.

Ed è che essere in grado di dare un nome a ciò che senti è molto importante per capire e capire cosa ti succede.

Non lasciarti ingannare dalle apparenze emotive

Molte volte le emozioni primarie innescano altre emozioni secondarie, e questo può portarci all'errore di credere che ciò che stiamo veramente provando sia l'emozione secondaria, ma no, a volte dobbiamo andare oltre, cercare e identificare la prima emozione che è quello che ci sta davvero colpendo.

Vediamo un esempio: Juanjo ha ricevuto l'informazione che uno dei suoi migliori amici, Aitor, ha raccontato qualcosa di molto intimo, qualcosa che non si aspettava che raccontasse a nessuno. Era il suo segreto! Come pensi che si senta Juanjo? Chiedendolo in terapia, ci dice che si è sentito tradito ed è per questo che è molto arrabbiato e incazzato. Rimarremo davvero lì? Nerd. Se andiamo più a fondo, possiamo capire che la causa fondamentale della rabbia di Juanjo non è il tradimento in quanto tale, è la tristezza. Juanjo è arrabbiato con Aitor perché gli ha causato grande tristezza vedere che la sua amicizia non ha per lui lo stesso valore che si aspettava. Ecco qua.

Cerca di non giudicare il modo in cui ti senti come buono o cattivo

Le emozioni hanno lo scopo di fornirci informazioni e avvisarci di ciò che sta accadendo. Sono inevitabili e, come vi dicevo all'inizio di questo post, non si possono eliminare.

Accettando questo come qualcosa di intrinseco a noi e alla nostra specie, una volta che appare l'emozione cerca di non giudicare. Non considerare mai le tue emozioni, come qualcosa di buono o cattivo, fallo come una fonte di informazioni che ti aiuterà a diventare più consapevole di te stesso. Ne più ne meno.

Cerca di capire il linguaggio del corpo

Per identificare meglio le emozioni, è molto importante guardare al linguaggio non verbale, al linguaggio del corpo: braccia, postura della schiena, rictus... In questo modo, se hai difficoltà a identificare le tue emozioni, capire il linguaggio del corpo ti darà molte indizi su ciò che sta accadendo dentro di te e ti aiuterà nel processo.

Non possiamo dimenticare nemmeno le manifestazioni fisiologiche automatiche come arrossamento, sudorazione eccessiva, tremori alle gambe, pressione toracica, ecc. Ed è che se troviamo schemi e connessioni causa-effetto tra la sensazione fisica che provo quando viene innescata una certa emozione, sarò un esperto emotivo.

Non rimanere nel come e cercare il perché

È essenziale abituarsi e allenarsi a pensare ai sentimenti e alle cause che possono essere dietro certe reazioni e cioè che cercando il motivo delle reazioni, sarai in grado di capire un po' meglio le persone.

Pratica la consapevolezza e riduci lo stress

5 passaggi pratici per iniziare con la consapevolezza

Conoscere le chiavi principali della Mindfulness e aumentare il benessere con semplici passaggi da applicare quotidianamente.Scarica Guida

essere assertivo

Ancora una volta si parla di assertività ed è un fattore fondamentale per poter esprimere correttamente le emozioni. Nel nostro articolo È ora di stabilire dei limiti: impara a dire NO " ne abbiamo già parlato. Inizia a praticarlo.

Per finire, voglio ricordarti che la perseveranza e lo sforzo sono molto importanti e che devi dedicare il tempo necessario e sufficiente se vuoi migliorare la tua Intelligenza Emotiva.

Esprimi e condividi le tue emozioni

È fondamentale tirar fuori quello che ci portiamo dentro e non ingoiarlo e che rimanga senza uscire e cioè che tutto ciò che non si esprime possa radicarsi. Quindi d'ora in poi, condividi le tue emozioni con le persone intorno a te, per andare avanti.

Esercizio pratico per lavorare sull'intelligenza emotiva

Fase di identificazione

Quando si parla di riconoscere, si tratta soprattutto di sapere prima cosa provo e poi dare un nome a ciò che sento, niente di più e niente di meno ?

Nota, questa fase è quella iniziale ma è qualcosa su cui lavoriamo costantemente perché a volte siamo così concentrati su ciò che dobbiamo fare e sulla nostra agenda che non notiamo nemmeno le nostre emozioni.

In molte occasioni ho incontrato persone che hanno alti livelli di stress ma che non lo percepiscono fino a quando non diventa un conflitto lombare o un mal di stomaco. Perché sta succedendo? perché non faccio attenzione, la mia mente è piena di informazioni e non si adattano. E se il cervello non lo percepisce, non se ne occupa. Ecco perché questo primo passaggio è essenziale su cui lavorare.

Fase di comprensione

La fase di comprensione ci permette di capire quale funzione sta adempiendo quell'emozione e quindi come posso usarla per migliorarla.

A volte, quando lavoro sulla comprensione, scopro che tendiamo a evitare ciò che ci fa stare male per minimizzarlo o perché è davvero spiacevole.

Ad esempio, ricordo un caso in cui non voleva iniziare a lavorare dopo la terapia perché aveva paura di aprire una scatola piena di dolore per cui non si sentiva pronta. Era consapevole che il dolore c'era ma non voleva capirlo. Ed è che a volte ciò che c'è dietro quel dolore è una decisione, come in questo caso, che ha finalmente capito che la sua relazione non stava funzionando.

Fase di gestione

E infine la fase di gestione è quando utilizziamo tutte le informazioni precedenti sotto forma di comportamenti. Ad esempio quando: 

  1. Ho capito che ho paura dell'opinione dei miei capi nel caso in cui perdessi il lavoro.
  2. Quella paura mi dice che mi piace questo lavoro e che voglio mantenerlo.
  3. Che l'effetto di una paura prolungata è che perdo la concentrazione, ho risultati peggiori e la paura aumenta molto di più. 
  4. Quindi decido di cambiare il focus dei miei pensieri e dei miei comportamenti, puntando sul fare bene il mio lavoro, perché ho analizzato che quando lo faccio le cose mi vanno meglio, la mente si concentra e alla fine arrivano i risultati.

Podcast: sviluppa la tua intelligenza emotiva

In modo pratico e giocoso, possiamo sviluppare e rafforzare la nostra Intelligenza Emotiva se svolgiamo:

  • Esercizi di respirazione consapevole.
  • Attività legate alle arti performative: teatro, danza, musica.
  • Esercizi in cui il corpo viene utilizzato consapevolmente.
  • Giochi in cui è importante gestire e interpretare le emozioni degli altri.
  • Esercizi di affermazione e/o pensiero positivo.
  • Sport come Aikido, Judo, Karate, Kung Fu e Capoeira.

Se ritieni ancora che il modo migliore per gestire e migliorare correttamente l'Intelligenza Emotiva e le sue componenti sia farlo con l'aiuto di un esperto, saremo felici di accompagnarti nel processo, perché un aiuto professionale dà risultati. Richiedi un appuntamento di psicologia online , in cui per mezz'ora parlerai di persona o online con uno psicologo che ti guidi lungo il percorso, per risolvere i tuoi dubbi e decidere un piano d'azione terapeutico in cui lavorare su tutto ciò che ti preoccupa.

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…