Disciplina Positiva: Non urlare contro di me, non ti sento

“La Disciplina Positiva è buon senso e coerenza nella vita, nell'educazione e nei rapporti umani"
Marisa Moya

Cos' è

La disciplina positiva è educare attraverso strategie di interazione positive e puntando sull'educatore, cioè non si intende che il bambino cambi attraverso punizioni, urla, rabbia, ma grazie a strumenti come la conoscenza di sé, l'autodisciplina, la responsabilità e un atteggiamento cooperativo .

Fa appello ai genitori e agli educatori, Sono gli adulti i responsabili e quindi devono prendere coscienza della ragione dei comportamenti, dei sentimenti, delle emozioni e degli atteggiamenti dei minori e mai viceversa.

Pricipi basici

Amore incondizionato

Ti amo incondizionatamente, ti amo per ciò che sei e come sei, indipendentemente da quello che fai e da come lo fai. Sei importante e un pezzo fondamentale della famiglia.

Gentilezza e fermezza possono coesistere allo stesso tempo

Essere dolci e gentili e nello stesso tempo avere la capacità di segnare e stabilire dei limiti in modo fermo e assertivo è possibile e quando ciò si realizza non è necessario ricorrere all'autoritarismo, né a punizioni.

Dignità e rispetto

Non giudicare, mettersi al loro posto, accettare le loro paure, i loro dubbi, le loro insicurezze ed empatizzare dalla dignità e dal rispetto è ciò di cui il piccolo ha bisogno quando non sa, non vuole, si blocca, si arrabbia o non può fare qualcosa.

Non dimentichiamo che l'adulto è il loro modello e la nostra reazione sarà la loro calma.

Conoscere davvero i propri figli

Ogni bambino è un mondo diverso, non ce ne sono due uguali, mai!! Ognuno di loro è unico e meraviglioso. Quindi conoscere il piccolo in modo profondo, onesto e sincero è essenziale. Connettiti con lui/lei. Fai le tue ricerche, trascorri del tempo insieme, gioca… cosa ti piace? C'è qualcosa che ti annoia? Di cosa sei appassionato? C'è qualcosa che ti preoccupa? … La fiducia si guadagna.

Bisogno di routine e ordine

Contrassegnare le routine, avere determinati schemi e ordine è importante per loro poiché dà loro sicurezza, calma, fiducia e dà loro un significato. Le routine incoraggiano anche l'accordo e non limitano la spontaneità.

L'anarchia totale e il libero arbitrio possono portare all'insicurezza e alla confusione.

Libertà

Il fatto che le routine siano prescritte non implica che il minore non sia libero di metterle in pratica. Sentirsi liberi, infatti, è un'altra delle caratteristiche necessarie per crescere e per un corretto sviluppo del bambino come essere umano e come parte della comunità.

Imparare dagli errori

Sbagliare è il mezzo attraverso il quale viene l'apprendimento. Sbagliare, confondersi, fallire non è male, anzi è il mezzo e l'opportunità attraverso cui si avanza, si cresce e si impara.

Rafforzare ed enfatizzare il buono

Mettere a fuoco e focalizzare su ciò che il bambino fa bene e su quelle cose in cui eccelle è essenziale. Evita di enfatizzare e sottolineare continuamente i difetti.

Prendersi cura della loro autostima

L'opinione che hanno di se stessi, che si amano, che si piacciono, che sanno quanto sono bravi, che hanno fiducia nelle proprie qualità è fondamentale in tenera età e una delle responsabilità degli adulti che accompagnano loro.

Concentrarsi sulla soluzione

Quando qualcosa non è andato bene, concentrati sulle possibili soluzioni, invece che sulle punizioni.
E se vogliamo che la prossima volta, in una situazione simile, il bambino non sbagli, sapremo che avrà appreso la risoluzione al problema.

Quando viene applicata una punizione e il bambino si sente ferito o umiliato, la sua attenzione si concentrerà sulla difesa invece di pensare a come superare con successo il problema la prossima volta.

Giocare

È importante per la connessione, per il legame, per la fiducia che i bambini trascorrano del tempo con i genitori e giochino insieme. E attenzione! più il bambino è piccolo, più tempo ci vorrà.

Giocare, divertirsi, condividere quei momenti spontanei riempirà il piccolo di emozioni positive.

Incentivare la partecipazione

Quando il piccolo è coinvolto, collabora, si fa coinvolgere e partecipa attivamente a un compito, è più facile per lui goderselo e impararlo senza quasi accorgersene.

Non essere iper-protettivi

Le risorse dei bambini ci sono, hanno solo bisogno delle opportunità per metterle in pratica e poterlo dimostrare.

Esempi

Una volta vista la teoria, ora passiamo alla pratica, che è la cosa più complicata quando abbiamo dei bambini in casa.

Guarda questi tre esempi in cui impieghiamo la disciplina positiva per vedere le differenze:

Il momento del bagno

  • Claudia, fatti un bagno, andiamo, è tardi.
  • Adesso? Oggi non ne ho voglia, sto giocando e non ho voglia di fare il bagno.
  • Forza Claudia, non voglio arrabbiarmi, tu devi fare un bagno, tutto qui. E se non ti fai il bagno, non ci sarà la cena dopo.
  • Claudia è d'accordo. Faccia increspata e sulla strada per il bagno.

Alternativa con disciplina positiva

  • Claudia, oggi come ogni pomeriggio prepariamo il bagnetto.
  • Adesso? Oggi non ne ho voglia, sto giocando e non ho voglia di fare il bagno.
  • sono un po' stanca anch'io, stamattina è successa la stessa cosa a me sotto la doccia, cosa ne pensi se mi aiuti a preparare le cose e a scegliere i calzini e le mutandine che ti piacciono di più? Inoltre, lo facciamo insieme e sarà molto veloce, quindi quando avremo finito potrai continuare a giocare.
  • Ok .
  • Claudia si arrende contenta , non vedendo l'ora di far parte del bagno, scegliendo i suoi vestiti e sapendo che il gioco continuerà più tardi .

Mangiare più frutta

  • Non voglio un mandarino.
  • Claudia, finché non mangi il mandarino non ti alzi dalla sedia e sappi che se non lo mangi oggi, domani ci sarà di nuovo il mandarino a colazione.
  • non mi interessa! Non lo mangerò.
  • Bene, non alzarti dalla sedia, hai sentito bene.
  • Claudia piange e non mangia il mandarino.

Alternativa disciplina positiva

  • Perché non vuoi mangiare il mandarino? (Prima ti preoccupi delle sue emozioni).
  • Semplicemente non mi piace...
  • che ne pensi se mescoliamo qualche spicchio di mandarino con il tuo frutto preferito, così che abbia un sapore più ricco? Con la mela o con la pera?
  • Ok, con la mela!
  • Ottimo, sono molto orgoglioso dello sforzo che fai fatto provandolo.

Spingere un altro bambino

  • Claudia! Lo sai che non si attacca né spinge, vero?! ora chiedi scusa e andiamo a casa!
  • Non voglio! È che non mi ha permesso giocare con la sua bambola
  • Quindi non hai intenzione di scusarti? bene. sarai punita e ora andiamo a casa.

Alternativa con disciplina positiva

  • Claudia, puoi spiegarmi cosa è successo e perché hai spinto la bambina?
  • Perché volevo giocare con la sua bambola, ma lei non voleva...
  • Ok, era perché volevi giocare un po' con quella bambola, ti piace?
  • Sì, stavo per restituirgliela...
  • Ti capisco, ma spingendola le hai fatto male. Ti ricordi quando ti hanno spinto, quanto è stato brutto?
  • Sì, è stato brutto, non mi piace essere picchiata...
  • Certo tesoro, non piace a te, non piace a nessuno, neanche a me . A nessuno piace essere colpito o spinto. Quindi cosa avresti potuto fare invece di spingerla?
  • Beh, non lo so... lasciarle un mio giocattolo? Aspettarla?...
  • Questo è tutto, fantastico. Oppure chiederle per favore.
  • L'importante è che tu capisca che ci saranno momenti in cui non te lo permetteranno, così come ci sono momenti in cui non vorrai dare le tue bambole agli altri bambini
  • Ok ...

Se sei interessato a questo argomento e vuoi approfondire e approfondire la disciplina positiva, non smettere di richiedere informazioni alla nostra formazione online sull'educazione al positivo. È un programma super completo e pratico che non ti deluderà.

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…