Emozioni di base: adattive e necessarie

"Non dimentichiamo che le piccole emozioni sono i grandi capitani della nostra vita e noi le obbediamo senza accorgercene"

-Vincent van Gogh-

L'essere umano è fondamentalmente emotivo. Charles Darwin, già nel 1872, faceva notare che le emozioni costituiscono un linguaggio. L'emozione è un potente strumento di comunicazione utilizzato da quasi tutte le specie, infatti il ​​linguaggio emotivo è il più primitivo, usa il corpo come veicolo di espressione, è quello che avverte di pericolo, lotta inutile, fame... linguaggio di sopravvivenza.

Ci sono tante emozioni quanti sono i modi di sentire, è importante dar loro un nome perché identificare un'emozione aiuterà a lavorarci sopra in un modo migliore, puoi provare dispiacere per aver detto una parola o fatto qualcosa che non dovresti, provare felice perché hai appena ricevuto una buona notizia, arrabbiato perché qualcuno ti ha deluso, ma puoi anche sentirti in modi diversi allo stesso tempo, perché le emozioni non sono indipendenti, sono tutte collegate.

A cosa servono le emozioni?

È importante sottolineare che tutte le emozioni hanno una loro funzione, anche se è vero che l'intensità, la durata e il contesto saranno determinanti poiché ci faranno percepire la situazione come più o meno piacevole e/o funzionale per noi e per l'ambiente. Nello specifico possono essere utilizzati per:

  • Ricerca sulla sicurezza delle minacce
  • Crea energia quando qualcosa blocca i bersagli
  • Ci affezioniamo ai nostri caregiver
  • Crea distanza dal tossico
  • Evocano conforto quando siamo tristi

Pertanto le emozioni sono lì per aiutarci a sopravvivere ed è molto importante ricordarlo.

Le 6 emozioni di base

Dipende dall'autore a cui andiamo, ad esempio Mowrer ha parlato di dolore e piacere, così semplice. Goleman parla di rabbia, tristezza, gioia, amore , sorpresa, disgusto e vergogna .

Personalmente, preferirei quella di Paul Ekman nel 1970, che ha individuato 6 emozioni fondamentali, essenziali, innate e intuitive e presenti dalla nascita: paura , tristezza, gioia, rabbia, sorpresa e disgusto.

Sono esperienze universali ed esistono in tutte le culture, inoltre, non sono solo caratteristiche degli esseri umani, ad esempio, secondo uno studio dell'Università del Colorado (USA), l'oca selvatica che ha perso il suo partner mostra tutti i sintomi di tristezza: I suoi occhi sprofondano nelle orbite e ha un'esperienza generale di caduta, lasciando letteralmente pendere la testa, proprio come in un cane possiamo riconoscere la gioia quando vede il suo padrone, scodinzolando o abbaiando.

Tristezza

La prima emozione di base di cui parlo è facile da provare e talvolta difficile da smettere di provare perché provoca dipendenza, quando è profonda può portare alla depressione, la sentiamo quando qualcuno ci delude o in un processo di lutto e quando osserviamo qualcuno che prova questa emozione è solitamente accompagnato da una testa china, la pressione toracica si sgonfia, il torace collassa e la speranza scompare, le sensazioni della gola e della bocca sono inibite e dominano la sconfitta, la debolezza e la mancanza di autostima, è normale e necessario sentirla perché senza di essa non saremmo mai in grado di riconoscere la gioia, sai di quale sto parlando?In effetti, è la Tristezza. La tristezza non è mai stata ben vista socialmente, è costato molto arrivare ad accettarla e permetterci di essere tristi, quando non la accettiamo può tornare in seguito in modo più intenso.

Allena l'autostima con esercizi pratici

Scopri il nostro programma FORTE IEPP per la fiducia e l'autostima

Richiedi informazioni e ricevi una lezione demo del programma.Scarica informazioni

Paura

È necessario provare paura, grazie ad essa sopravviviamo. Se non lo avessimo, sfrecceremmo lungo un'autostrada, salteremmo da un dirupo o ci avvicineremmo a un leone per cercare di accarezzarlo. È comune tanto negli animali quanto negli esseri umani, è ciò che ha permesso a molte specie di sopravvivere ed è essenziale per lo sviluppo di qualsiasi persona. Il problema è quando il pericolo non è reale, ma immaginiamo una situazione che ci provoca paura, paura o insicurezza, perché il cervello non fa distinzioni tra emozione reale e ciò che è immaginato e reagisce scatenando la stessa difesa, questo tra l'altro cose, riceve il nome di fobia. Quando proviamo paura, tutto è allerta e/o risposte di difesa: il cuore batte forte per pompare più sangue possibile e far lavorare il corpo per fornire ossigeno, gli occhi si aprono,Chi ha detto paura? Origine e utilitàLeggi l'articolo >>

Felicità

Qualcosa di semplice come il ritorno a casa, il successo professionale, un buon libro, un bel film, un viaggio, una buona conversazione, l'amore ricambiato e/o l'amore in tutte le sue forme possono essere causa di gioia, questa emozione è definita piacevole, forse una delle emozioni più effimere, con essa rilasciamo gli ormoni della felicità come endorfine, serotonina o dopamina, e ha quasi sempre a che fare con qualche evento, anche se a volte è causato da noi stessi, dallo sport o da ciò che si mangia, noi lo cercano sempre ed è anche contagioso. Cosa ci succede quando lo sentiamo? Gli occhi diventano più piccoli e gli zigomi si alzano, si ha un maggiore volume inspirato ed espirato, l'attività cardiovascolare aumenta, accelerando il battito cardiaco e si perde il controllo dello sfintere uretrale.

Andando

Rappresenta la rabbia, con essa stringiamo i denti e chiudiamo gli occhi, è quello che proviamo con un tradimento, con una brutta notizia o in qualsiasi rissa, ci sono disturbi che hanno a che fare con la mancanza di  autocontrollo . La rabbia, a sua volta, è essenziale per la sopravvivenza poiché prepara letteralmente il corpo a situazioni spiacevoli. Con esso aumenta la tensione muscolare, la frequenza della respirazione e l'adrenalina che ci fa stare in allerta. La rabbia, come tutte le emozioni, ha un mezzo d'oro tra eccesso e difetto. Eseguire la consapevolezza , ascoltare musica rilassante, praticare sport o annotare pensieri sono tecniche che aiuteranno a gestire questa emozione.

Pratica la consapevolezza e migliora la gestione delle emozioni

5 passaggi pratici per iniziare con la consapevolezza

Conoscere le chiavi principali della Mindfulness e aumentare il benessere con semplici passaggi da applicare quotidianamente.Scarica Guida

Sorpresa

È una reazione emotiva spontanea causata da qualche evento inaspettato, strano o nuovo. È un'emozione neutra che può portare a un'altra emozione positiva o negativa a seconda dello stimolo che la innesca. È anche l'emozione che si esprime in una forma più breve scompare più rapidamente. A volte dura qualche secondo e si trasforma velocemente in un'altra emozione legata alla situazione che l'ha innescata (rabbia, gioia, paura, tristezza...) Quando succede qualcosa che non era nei nostri piani o che non ci aspettavamo, proviamo qualcosa , proviamo la sorpresa, è stata inserita all'interno delle emozioni di base perché i gesti sono molto istintivi, è accompagnata da un respiro profondo e da un viso stupito. È sicuramente l'emozione più fugace.

Man mano che accresciamo le nostre emozioni, lo facciamo, un recente studio dell'Università di Berkeley (California) ha suddiviso le emozioni in 27 categorie: ammirazione, adorazione, apprezzamento estetico, divertimento, ansia , stupore, disagio, noia, calma, confusione, desiderio, avversione , dolore empatico, rapimento, invidia, eccitazione, paura, orrore, interesse, gioia, desiderio , romanticismo, tristezza, soddisfazione, desiderio sessuale, simpatia e trionfo.

Disgusto

Se non provassimo disgusto moriremmo contaminati da qualsiasi cibo avariato, non saremmo in grado di riconoscerne l'odore o il sapore e non sopravviveremmo, ecco perché è un'emozione di base, quando proviamo questa emozione alziamo il nostro labbro superiore e arricciamo il naso. Darwin (1872/1967) afferma che il disgusto, "nel suo senso più semplice, si applica a qualsiasi sensazione che offenda il senso del gusto". Per quanto riguarda l'acquisizione delle emozioni nei bambini, non è ancora chiaro come si sviluppi. Ciò su cui tutti gli autori sono d'accordo è che richiede l'apprendimento per essere modellato. La società, quindi, influenza molto la forma e la direzione che prende il disgusto, cioè quando si tratta di determinare gli elementi che ci sembreranno disgustosi. Il disgusto non è una semplice reazione fisiologica perché è invaso dalla moralità,

L'universo delle emozioni

Questa classificazione è facile da iniziare quando si inizia a lavorare con le emozioni. Se poi vogliamo fare un passo in più, vi consiglio la classificazione di Punset, che è molto completa, ad esempio nel caso di Joy la scompone in altre 20 categorie, sì, 20 solo per la gioia, ad esempio Eduard Punset parla di Pace Interiore, tranquillità, pienezza, serenità, felicità, le colloca in una struttura di tipo mappa mentale e sono associate all'intensità.

L'universo delle emozioni di Eduard Punset

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…