emozioni negative

Definizione

Prima di comprendere la definizione di emozione negativa, riassumiamo innanzitutto cos'è un'emozione. Per emozione intendiamo quella sensazione molto intensa prodotta da un evento, un'idea, un ricordo, ecc. Questo è qualcosa che percepiamo e notiamo nel profondo di noi.

I sentimenti sono   il risultato delle emozioni, durano più a lungo e possono essere verbalizzati e spiegati con le parole.

Da qui, qualche anno fa, possiamo trovare varie classificazioni delle emozioni e una di queste è quella che distingue tra emozioni positive e negative.

A questo punto, la prima cosa che voglio sottolineare è che non esistono emozioni buone e cattive e che le cosiddette emozioni negative non devono essere peggio di quelle positive. Tutte le emozioni sono, soprattutto, necessarie per sopravvivere. Infatti, nel nostro articolo intitolato, Miti e realtà sulla psicologia positiva , ve ne abbiamo già spiegato qualcosa.

Allora, cos'è un'emozione negativa?

Ti diamo una lezione

Scopri il nostro Corso di Mindfulness e Gestione Emotiva

Iscriviti e scopri le tecniche per lavorare sull'intelligenza emotiva e sulla consapevolezza.Ricevi Regalo

Un'emozione negativa è quella che ci dà una sensazione spiacevole o una sensazione negativa, ma che contribuisce alla nostra sopravvivenza e sicurezza.

Sono segnali di allarme che, se sistematicamente ignorati, possono generare gravissimi problemi in ogni essere e nella propria vita. Inoltre e riprendendo le parole di Beatriz Vera Poseck " le emozioni negative hanno un evidente valore adattativo, rappresentano soluzioni efficaci ai problemi che l'uomo si trova ad affrontare sin dalle sue origini".

Vediamo un esempio molto semplice, immaginiamo di camminare per strada di notte e all'improvviso sentiamo che una persona inizia a inseguirci, la paura si attiva automaticamente in noi (un'emozione considerata negativa), perché? perché in questo modo ci attiviamo e ci mettiamo in allerta e riusciamo a “sopravvivere” in quella specifica situazione.

Origine delle emozioni negative

Da dove vengono le emozioni? e qual è la sua origine? Secondo Bisquerra, nel 2006, ci ha spiegato che lo sviluppo delle emozioni negli esseri umani presenta queste quattro fasi:

  1. Dalla nascita ai primi mesi di vita. In questa fase, i bambini hanno la capacità di riconoscere le emozioni positive e negative e questo ci ha fatto capire che possono essere riconosciute molto prima che possano essere espresse.
  2. A circa 2 anni di età, il bambino è in grado di mostrare e provare empatia e a circa 4 anni già riconosce le emozioni di base e comprende come queste sensazioni generino risposte diverse.
  3. Nella fase dell'adolescenza tutte le emozioni sono già considerate accettabili e tra gli 11 ei 15 anni si riconoscono senza problemi le proprie emozioni e quelle degli altri, così come le regole di espressione.
  4. In età adulta ciò che ci si aspetta è saper riconoscere le emozioni e, soprattutto, gestirle correttamente. Esercitare un controllo adeguato su di loro, tenendo conto dell'intelligenza emotiva .

Elenco delle emozioni negative di base

All'interno delle emozioni negative troviamo le emozioni di base o primarie e anche le emozioni secondarie o complesse.

Le emozioni negative di base considerate sono tristezza, disgusto, paura e rabbia . D'altra parte, quelle considerate emozioni negative secondarie o sentimenti negativi sono molte di più, ad esempio: solitudine, disperazione, senso di colpa, indifferenza, apatia... ecc.

Tristezza

La tristezza appare prima di uno stimolo che ci provoca insoddisfazione, impotenza, smarrimento e ci commuove, ci spinge a cercare empatia, riparo e consolazione.

Pratica la consapevolezza e migliora la gestione delle emozioni

5 passaggi pratici per iniziare con la consapevolezza

Conoscere le chiavi principali della Mindfulness e aumentare il benessere con semplici passaggi da applicare quotidianamente.Scarica Guida

Disgusto

L'emozione del disgusto arriva quando lo stimolo ci provoca avversione, disgusto e la sua funzione è di portarci all'evitamento.

Paura

La paura è essenziale per garantire la nostra sopravvivenza e, come abbiamo visto nell'esempio precedente, viene attivata da uno stimolo che rappresenta un pericolo fisico o psicologico.  

Andando

La rabbia, la rabbia, è un'emozione del tutto normale di fronte alla frustrazione o qualcosa che ci danneggia, non ci fa arrabbiare molto, ci provoca disagio e ci guida ad attaccare.

Assicurati di leggere il resto degli articoli sul nostro blog sulle emozioni positive e sulle emozioni negative in cui continuiamo ad approfondirle.

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…