Intelligenza Emotiva al Lavoro: 80% del successo

Cos'è?

Siamo abituati a parlare dell'intelligenza come di quella razionale, quella che si riflette in un QI, quella accademica, quella che si misura in voti. Tuttavia, ci sono altri tipi di intelligenza e l'intelligenza emotiva è uno di questi, ha a che fare con il modo in cui le persone identificano e gestiscono le proprie emozioni e quelle degli altri.

Secondo Daniel Goleman , padre dell'Intelligenza Emotiva (EI), l' IE rappresenta l'80% del successo delle persone. Per Goleman, (1995), il QI è insufficiente per prevedere il successo mentre l'intelligenza emotiva, la consapevolezza di sé, la perseveranza di fronte alla paura, al fallimento, alla noia e alla frustrazione, così come l'empatia e le arti I fattori sociali sono più decisivi per il raggiungimento di successo personale e professionale.

Come ho già accennato in altri articoli sul nostro blog IEPP, Goleman parla di quattro aspetti importanti dell'essere emotivamente intelligenti:

  • Conoscenza di sé : " Conoscere te stesso è l'inizio di ogni saggezza" - Aristotele, se non conosci te stesso, non sai cosa vuoi fare o dove vuoi andare. L'autoconsapevolezza è la capacità di riconoscere le emozioni che stiamo provando. È la base dell'intelligenza emotiva.
  • Autoregolazione : “non saltare velocemente”, non prendere decisioni calde.
  • Automotivazione : motore che ci fa lottare per qualcosa.
  • Empatia : mettersi nei panni dell'altro, interpretare le emozioni degli altri. Di tutte le dimensioni dell'EI, l'empatia è quella più facilmente riconoscibile.

Empatia: se ti metti nei miei panni, forse capirai il mio comportamentoLeggi l'articolo >>

  • Abilità sociali : la capacità che abbiamo di relazionarci con gli altri.

Nel libro “Il manager emotivamente intelligente” degli autori Caruso e Salovey si parla di un Piano Emozionale Generale e in esso descrivono, in un modo molto simile a quello di Goleman, le abilità necessarie per sviluppare l'EI.

Il concetto di intelligenza emotiva è diventato sempre più importante, la rivista Harvard Business Review ha affermato che era una delle idee imprenditoriali più influenti dell'epoca.

Se non sappiamo distinguere un'emozione da un'altra, non sapremo come riconoscerla in noi stessi. Ci sono molte persone che non sanno come esprimere la rabbia, dobbiamo sapere come nominare la tristezza, la gioia o la paura e una volta identificati, sapere cosa farne. L'intelligenza emotiva è un percorso infinito, non si finisce mai di imparare a gestire le emozioni ed è molto importante sul posto di lavoro.

Al lavoro consigliano sempre di separare il personale dal professionista, ma non puoi essere professionale al 100% se la tua vita personale non va bene. La ricerca presso IE afferma che non si tratta di una separazione tra il personale e il professionale, ma che impariamo a gestire le emozioni in qualsiasi campo, in modo da essere in grado di regolare le nostre emozioni.

Nella selezione dei candidati per molti lavori, l'esperienza professionale all'interno del curriculum non è più così importante, ora viene prestata maggiore attenzione alle capacità e alle capacità dell'uomo, al modo in cui deve gestire le diverse situazioni:il modo in cui chi risolve i conflitti , prendere decisioni e gestire il tempo.

I vantaggi dell'EI nell'ambiente di lavoro

Le emozioni possono essere contagiose, ma non tutte si diffondono con la stessa facilità. Uno studio della Yale University School of Business Administration ha rilevato che la felicità e la cordialità si diffondono più velocemente nei gruppi di lavoro, mentre la tristezza e l'irritabilità si diffondono meno. Nello studio di Yale, l'umore influenza l'efficienza dei lavoratori; se positivo, incoraggia la cooperazione, l'imparzialità e la prestazione lavorativa.

Inoltre, migliora la comunicazione, la creatività e le capacità di leadership.I leader con elevate capacità di EI fanno lavorare meglio il loro gruppo, essere più uniti e lavorare meglio come una squadra.

Leadership e intelligenza emotiva

Quasi tutti gli elementi di tutti i modelli di intelligenza emotiva concordano sul fatto che essere un buon leader coinvolge questi quattro domini:

  • Consapevolezza di sé – La prima componente dell'intelligenza emotiva, implica la comprensione della profondità delle proprie emozioni, punti di forza, debolezze, bisogni e pulsioni. Le persone che hanno un alto grado di autocoscienza sanno come i sentimenti li influenzano. Ad esempio, una persona consapevole di sé sa che quando si precipita a finire un lavoro le cose vanno male, quindi si organizza e finisce quello che deve fare prima.
  • Consapevolezza sociale : Empatia non significa adottare le emozioni degli altri come proprie e cercare di accontentare tutti, ma piuttosto considerare i sentimenti degli altri.

Guarda questo esempio: nella storia della fusione di due società, il direttore di una di esse ha riunito la sua squadra e ha pronunciato un discorso pessimista e negativo, sottolineando quante persone sarebbero state licenziate in breve tempo.

Mentre il direttore dell'altra società si rivolgeva ai suoi subordinati con parole molto diverse, esprimeva sinceramente preoccupazione, confusione e prometteva di tenerli informati e di trattare tutti allo stesso modo.

Quali differenze rilevi tra i due leader? La differenza tra l'uno e l'altro era l'empatia. Il primo capo era preoccupato per il suo destino personale, mentre il secondo capo capì intuitivamente cosa provavano le persone della sua squadra e diede un nome alle loro paure.

  • Autogestione : autocontrollo emotivo, adattabilità, capacità di successo e atteggiamento positivo. Un leader con una buona autogestione ha la tendenza a riflettere e meditare, è a suo agio con i cambiamenti.

Come essere un buon leaderLeggi l'articolo >>

  • Gestione delle relazioni : non si tratta solo di essere gentili, ma di aiutare gli altri a muoversi nella direzione che vogliamo con un obiettivo specifico, gestire bene i conflitti e sapere come lavorare in squadra. La consapevolezza sociale è l'apice dell'intelligenza emotiva, le persone tendono ad essere molto brave a gestire le relazioni quando riescono a capire e controllare le proprie emozioni, mostrano empatia e autogestione.

Attività per sviluppare l'IE sul posto di lavoro

Esistono diverse tecniche che ti aiuteranno a identificare e gestire meglio le tue emozioni: le principali per aumentare l'energia è l'esercizio fisico, e per ridurre lo stress e la tensione: esercizi di rilassamento, ricerca di sentimenti e attività piacevoli (ascoltare musica, fare una passeggiata ).

 Ce ne sono alcuni più specifici per il posto di lavoro:

  • Motivaci: è necessario sviluppare l'EI, ci aiuta con il nostro impegno, ci fa rimanere attivi, orientarci e mantenere chiari i nostri obiettivi.
  • Usa il linguaggio del corpo: analizzare il nostro linguaggio del corpo e quello degli altri è un ottimo metodo per capire cosa sta succedendo.
  • Medita : migliora il controllo delle emozioni e sviluppa la capacità di rispondere correttamente e con moderazione invece di reagire in modo incontrollabile.
  • Analizza la situazione: non giudicare te stesso o le altre persone e analizza la situazione da un punto di vista neutrale, come se fosse un'altra persona, quella prospettiva ci farà arrivare a conclusioni migliori,
  • Usa un diario emotivo: scrivere come ci sentiamo ogni giorno ci aiuterà a riconoscere le emozioni.
  • Comunicazione assertiva : consente di trasmettere idee dal punto di vista della fiducia in se stessi e delle emozioni e preoccupazioni di fondo degli altri, oltre a migliorare le relazioni interpersonali.
  • Saper gestire lo stress: lo stress si manifesta quando dobbiamo affrontare situazioni che superano i nostri limiti fisici e mentali, quando sentiamo di non essere in grado di realizzare ciò che gli altri si aspettano da noi.

 Sul lavoro possono manifestarsi due tipi di stress:

  1. Stress lavorativo episodico : si manifesta, ad esempio, per un breve periodo e, una volta affrontata questa situazione, lo stress scompare.
  2. Stress da lavoro cronico : quando si verifica da molto tempo, perché siamo continuamente in una situazione di stress.
  • Attualmente molte aziende utilizzano i Team Building per sviluppare l'intelligenza emotiva dei componenti di un'azienda, è un insieme di attività per migliorare le prestazioni dei team di lavoro, delle organizzazioni e la loro capacità di lavorare insieme in modo efficace. Queste attività vanno da semplici esercizi ad esercitazioni complesse in cui il team deve raggiungere un obiettivo comune.

Se vuoi saperne di più e formarti in questo campo in piena espansione e in pieno sviluppo, richiedi ora e senza alcun impegno informazioni sul nostro Titolo di Esperto in Intelligenza Emotiva e Psicologia Positiva che abbiamo appena messo sul mercato poco tempo fa.

Con questa formazione potrai essere aggiornato sull'Intelligenza Emotiva per migliorare a livello personale e, ovviamente, lavorarci con le persone che accompagni a livello professionale.

Si tratta di una formazione online, con i migliori formatori a tua disposizione e promossa dal Ministero della Salute

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…