Tipologie di Depressione

Episodio Depressivo

“Ultimamente Leticia si sente strana. Se ne sono accorti anche i suoi amici. Maria è rimasta sorpresa quando Leticia ha rifiutato il suo invito a fare shopping sabato scorso (le è sempre piaciuto fare shopping). In realtà, non c'era motivo per non andare, ma semplicemente non ne aveva voglia. Invece di andare, ha passato gran parte del sabato a dormire.

Ma stare a casa più a lungo del solito non è l'unico cambiamento per Leticia. È sempre stata un'ottima studentessa, ma negli ultimi mesi i suoi voti sono calati drasticamente e ha difficoltà a concentrarsi. Ha anche fallito alcuni esami e non ha ancora svolto un esercizio che doveva essere effettuato la scorsa settimana.

Quando torni a casa per cena dopo l'allenamento, non hai fame. Anche se si sforza di mangiare un po' con la sua famiglia, non ha molto appetito. Dopo cena, Leticia va nella sua stanza, fa alcune faccende e va a letto. Non ha nemmeno il coraggio di parlare con i suoi amici al telefono.

Quando sua madre le chiede cosa c'è che non va, ha voglia di piangere ma non sa perché. Tutto sembra essere sbagliato, anche se non è successo niente di particolarmente brutto. Ti senti sempre triste e non puoi liberarti di quella sensazione".

Per la diagnosi dell'episodio depressivo, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

A) Presenza di cinque (o più) dei seguenti sintomi per un periodo di 2 settimane, che rappresentano un cambiamento rispetto all'attività precedente; uno dei sintomi deve essere 1 umore triste e depresso o 2 perdita di interesse o capacità di piacere.

  • Umore depresso per la maggior parte della giornata, quasi ogni giorno come indicato dal soggetto stesso (si sente triste o vuoto) o dall'osservazione fatta da altri (piange). * Nei bambini e negli adolescenti l'umore può essere irritabile.
  • Accusata diminuzione dell'interesse o della capacità di godere di tutte o quasi tutte le attività, la maggior parte della giornata, quasi tutti i giorni (secondo il soggetto stesso o altri osservano).
  • Significativa perdita di peso senza dieta o aumento di peso (un cambiamento di oltre il 5% del peso corporeo in 1 mese), o perdita o aumento dell'appetito quasi ogni giorno. * Nei bambini va valutato il mancato raggiungimento degli incrementi ponderali attesi.
  • Insonnia o ipersonnia quasi ogni giorno.
  • Agitazione psicomotoria o rallentamento quasi ogni giorno (osservabile da altri, non solo sentimenti di irrequietezza o pigrizia).
  • Fatica o perdita di energia quasi ogni giorno.
  • Sentimenti di inutilità o colpa eccessiva o inappropriata (che può essere delirante) quasi ogni giorno, non il semplice rimprovero di sé o il senso di colpa per la malattia.
  • Ridotta capacità di pensare o concentrarsi, o indecisione, quasi ogni giorno (un'attribuzione soggettiva o un'osservazione esterna).
  • Pensieri ricorrenti di morte (non solo paura della morte), ideazione suicidaria ricorrente senza un piano specifico o un tentativo di suicidio o un piano specifico per suicidarsi.

B. I sintomi non soddisfano i criteri per un episodio misto.

C. I sintomi causano disagio clinicamente significativo o compromissione dell'attività sociale, lavorativa o di altre aree importanti dell'individuo.

D. I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (un farmaco, un farmaco) o a una condizione medica generale (ipotiroidismo).

E. I sintomi non sono meglio spiegati dalla presenza di lutto (dopo la perdita di una persona cara), i sintomi persistono per più di 2 mesi o sono caratterizzati da marcata disabilità funzionale, preoccupazioni morbose di inutilità, ideazione suicidaria, sintomi psicotici o rallentamento psicomotorio.

I sintomi di un episodio depressivo maggiore di solito si sviluppano nel corso di giorni o settimane. Prima che inizi, potrebbe esserci un periodo prodromico con lieve ansia e sintomi depressivi, che può durare per settimane o mesi.

Anche la durata di un episodio depressivo maggiore è variabile. In genere, un episodio non trattato dura 6 mesi o più, indipendentemente dall'età di esordio.

È due volte più frequente nelle donne che negli uomini e nelle aree urbane è due volte più frequente che nelle aree rurali. L'episodio depressivo sarebbe una depressione unipolare, stiamo parlando di un polo unico.

La conseguenza più grave di un episodio depressivo maggiore è il tentativo di suicidio o il suicidio completato. Il rischio di suicidio è particolarmente elevato per i soggetti con sintomi psicotici, una storia di precedenti tentativi di suicidio, una storia familiare di suicidio completato o uso concomitante di sostanze.

Gli episodi depressivi maggiori sono talvolta preceduti da uno stress psicosociale (morte di una persona cara, separazione coniugale o divorzio).

Parleremo di disturbo depressivo ricorrente o depressione ricorrente cronica se un episodio depressivo si verifica ripetutamente nel tempo.

Distimia o disturbo distimico

"Mi sento depresso per la maggior parte del tempo, ma riesco a funzionare nella vita di tutti i giorni."

Il disturbo distimico è un termine usato per descrivere la depressione in corso che di solito non è grave come un episodio depressivo maggiore, ma è cronica e può durare per diversi anni.

I sintomi possono essere simili al disturbo depressivo maggiore, ma più lievi, cioè meno in numero e gravità. La diagnosi deve essere fatta quando i sintomi persistono da almeno due anni.

Le persone con distimia sono in grado di lavorare e di solito gestiscono la loro quotidianità, ma sono spesso irritabili e cronicamente infelici con se stesse, oltre ad avere difficoltà a godersi le cose e a pensare che la vita non abbia molto senso. Sarebbe come una & nbsp; depressione moderata .

Per la sua diagnosi, deve essere soddisfatto quanto segue:

A. Umore cronicamente depresso per la maggior parte della giornata della maggior parte dei giorni, manifestato dal soggetto e osservato da altri, per almeno 2 anni.

* Nei bambini e negli adolescenti l'umore può essere irritabile e la durata dovrebbe essere di almeno 1 anno.

B. Presenza, durante la depressione, di due (o più) dei seguenti sintomi:

  • Perdita o aumento dell'appetito.
  • Insonnia o ipersonnia.
  • Mancanza di energia o affaticamento.
  • Bassa autostima .
  • Difficoltà a concentrarsi o a prendere decisioni.
  • Sentimenti di disperazione.

C. Durante un periodo di due anni (1 anno nei bambini e negli adolescenti) dell'alterazione, il soggetto non è stato senza sintomi dei criteri A e B per più di due mesi consecutivi.

D. Non ci sono stati episodi depressivi maggiori durante i primi 2 anni del disturbo.

E. Non c'è mai stato un episodio maniacale o ipomaniacale.

F. L'alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di un disturbo psicotico cronico, come la schizofrenia o il disturbo delirante.

G. I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (farmaco, medicinale) o a una condizione medica generale.

H. I sintomi causano disagio clinicamente significativo o compromissione dell'attività sociale, lavorativa o di altre aree importanti dell'individuo.

Anche in questo caso, la depressione si verifica nelle donne quasi il doppio rispetto agli uomini. I fattori ormonali possono contribuire al più alto tasso di depressione nelle donne.

In particolare, alterazioni del ciclo mestruale, gravidanza, aborto, periodo postpartum, premenopausa e menopausa. Molte donne sono più stressate dalle responsabilità di prendersi cura dei figli e dall'equilibrio tra lavoro e vita privata.

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare o malattia maniaco-depressiva è un'alterazione dei meccanismi che regolano l'umore.

Chi ne soffre passa alternativamente dall'euforia o alla depressione, talvolta richiedendo il ricovero. Non è così comune come gli altri disturbi depressivi. Parleremmo di depressione grave.

Di solito inizia nella vita adulta. Sebbene meno comune, può verificarsi nell'adolescenza e raramente nell'infanzia. Questa malattia può colpire chiunque. Tuttavia, se uno o entrambi i genitori hanno il disturbo bipolare, i bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare il disturbo. Storia famigliare

Il pacchetto di abuso di droghe o alcol può anche essere associato al disturbo bipolare negli adolescenti.

È caratterizzato da cambiamenti ciclici dell'umore: fasi di umore alto o euforico (mania) e fasi di umore basso (depressione).

Gli sbalzi d'umore possono essere drammatici e rapidi, ma più spesso sono graduali.

Quando una persona è nella fase depressiva del ciclo, può soffrire di uno, più o tutti i sintomi del disturbo depressivo. Nella fase maniacale, la persona può essere iperattiva, parlare eccessivamente e avere una grande quantità di energia. La mania spesso influenza il pensiero, il giudizio e il comportamento in relazione agli altri.

Può portare il paziente a finire in guai seri e in situazioni imbarazzanti. Ad esempio, nella fase maniacale la persona può sentirsi felice o euforica, avere progetti grandiosi, prendere decisioni aziendali folli e essere coinvolta in avventure o fantasie romantiche.

Gli adolescenti con disturbo bipolare possono sperimentare continui sbalzi d'umore che vanno da estremamente alti (maniacali) a bassi (depressi). Gli alti possono alternarsi con i bassi, oppure la persona può sentire entrambi gli estremi contemporaneamente (misto).

Il passaggio da una fase all'altra (dalla mania alla depressione) è variabile e ci sono periodi di stabilità tra le fasi. La frequenza varia da persona a persona.

I sintomi maniacali includono:

  • Gravi sbalzi d'umore rispetto ad altri giovani della stessa età e background (sentirsi troppo felici, ridere molto, essere troppo irritabili, arrabbiati, agitati o aggressivi).
  • Scariche irrealistiche in autostima, ad esempio, si sentono onnipotenti, onnipresenti o come supereroi con poteri speciali. Deliri di grandezza.
  • Incremento inconcepibile di energia e capacità di andare avanti per giorni senza dormire e senza sentirsi stanchi. Insonnia.
  • Parlare eccessivamente, non smettere di parlare, parlare troppo velocemente, cambiare continuamente argomento e non lasciarsi interrompere.
  • Distrazione, l'attenzione si sposta costantemente da una cosa all'altra . Fuga di cervelli, il pensiero salta da un argomento all'altro.
  • Comportamenti rischiosi ripetitivi, come abuso di droghe e alcol, guida spericolata e negligente, o promiscuità sessuale.
  • Il paziente si sente molto bene, ma diventa ostile e paranoico quando qualcosa rallenta i loro progetti.
  • Capacità critica annullata, non prevedono rischi, non controllano i propri impulsi, totalmente disinibiti: abiti sgargianti o trascurati, commenti scomodi, ecc.

Nella mania, il paziente non soffre dei suoi sintomi e non riesce a capire perché gli altri stiano cercando di arginare la sua condizione.

I sintomi depressivi includono:

  • Irritabilità, depressione, tristezza persistente, pianto frequente.
  • Pensieri sulla morte o sul suicidio.
  • Ridotta capacità di godersi le attività preferite.
  • Frequenti lamentele di disturbi fisici, come mal di testa e mal di stomaco.
  • Basso livello di energia, affaticamento, scarsa concentrazione e si lamenta di sentirsi annoiati.
  • Notevoli cambiamenti nel mangiare o nel dormire, come mangiare troppo o dormire.

Possiamo differenziare due tipi all'interno del disturbo bipolare:

* Nel disturbo bipolare di tipo I (quello classico) si verifica una fase di mania così marcata che il paziente generalmente richiede il ricovero, poiché anche le depressioni sono intense.

Il paziente soffre di allucinazioni e persino deliri quando è in una fase maniacale, in modo tale da arrivare a credersi, per esempio, dotato. Il suo comportamento è totalmente disordinato.

* Nel tipo II compaiono depressioni intense e fasi di mania moderata o euforia che non richiedono il ricovero ospedaliero e sono chiamate ipomania. disturbo bipolare II è caratterizzato dal presentare uno o più episodi depressivi maggiori accompagnati da almeno un episodio ipomaniacale, ma mai da precedenti episodi maniacali.

I primi sintomi del disturbo bipolare compaiono nell'adolescenza. Da questo momento fino all'impianto del primo trattamento, di solito occorrono circa dieci anni.

È un disturbo che colpisce la capacità di essere funzionali nelle attività quotidiane. Colpisce il lavoro o gli studi, le nostre famiglie e la vita sociale.

Ciclotimia o disturbo ciclotimico

"È incredibile come posso passare dall'essere buono all'essere cattivo e tornare ad essere buono e così tutto il tempo in pochi secondi, so di avere una bassa autostima e a volte è difficile da affrontare it"

Potrebbe anche essere incluso come terzo tipo di disturbo bipolare; È definito dalla successione di ipomania lieve o moderata e fasi depressive che fanno sembrare il malato instabile e imprevedibile. Non sembrano abbastanza seri da vedere un dottore anche se hanno un trattamento.

Carattere ciclico, cambiamento di umore.

Pertanto, la ciclotimia è definita come un'alterazione cronica dell'umore:

A. Presenza, per almeno due anni, di numerosi periodi di sintomi ipomaniacali e numerosi periodi di sintomi depressivi che non soddisfano i criteri per un episodio depressivo maggiore.

B. Durante il periodo superiore a due anni, la persona non ha smesso di presentare i sintomi del criterio A per un tempo superiore a due mesi.

C. Durante i primi anni dell'alterazione non si sono verificati episodi depressivi maggiori, episodi maniacali o episodi misti.

D. I sintomi del Criterio A non sono meglio spiegati dalla presenza di disturbo schizoaffettivo e non sono sovrapposti a schizofrenia, disturbo schizofreniforme, disturbo delirante o disturbo psicotico non specificato.

E. I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza o di una condizione medica generale.

F. I sintomi causano disagio clinicamente significativo o compromissione dell'attività sociale, lavorativa o di altre aree importanti dell'individuo.

3 passi per aumentare il tuo benessere

Scopri una guida con esercizi pratici per imparare a divertirti di più.Scarica esercizi

Depressione psicotica o delirante

Si verifica quando una grave malattia depressiva è accompagnata da deliri e allucinazioni, che rompono con la realtà.

Depressione post-partum

Viene diagnosticato se una donna che ha partorito di recente soffre di un episodio di grave depressione entro il primo mese dal parto. Si stima che circa il 15% delle donne sperimenta la depressione postpartum dopo il parto.

Disturbo affettivo stagionale

La persona soffre di depressione solo nei mesi invernali, quando le ore di sole diminuiscono, Così, la depressione scompare con il bel tempo, durante la primavera e l'estate, riportando la persona al suo normale stato d'animo e funzionamento.

Se hai bisogno della psicoterapia per migliorare alcuni dei tipi di depressione di cui ho appena parlato, la Psicologia Positiva è molto efficace, quindi non dimenticare di avviare un processo terapeutico individuale con lo psicologo del nostro team che può adattarsi al meglio il tuo caso. La prima cosa che devi fare per farlo è richiedere informazioni senza impegno con uno dei nostri psicologi online .

Ti ascoltiamo!

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…