Blocco Mentale: l'ostacolo dovuto all'emozione

È difficile per te mettere in relazione le tue emozioni con il tuo cervello e tendi a considerarle come parti diverse, ma qualche volta hai anche sentito dire che, per avere la mente lucida, è importante tenere a bada le nostre emozioni, ad esempio , quando sei troppo eccitato per pensare, troppo irritato per essere equilibrato o troppo preoccupato per reagire a un evento importante che ti accade davanti. Le emozioni aiutano tanto quanto ostacolano la tua mente, quindi il blocco mentale non è altro che l'espressione di un blocco emotivo. Con questo possiamo dire che l'innesco per il blocco sarà a volte il pensiero e altre volte l'emozione.

Cos'è

Il blocco mentale è l'interruzione del processo cerebrale che ci permette di iniziare o terminare un'attività o risolvere una situazione. Può essere in un momento specifico ma può anche durare nel tempo, è la famosa frase "mi sento stagnante".

Una paziente stava esaminando il suo ultimo esame di legge, quando l'ha finito ed è andata a scrivere il suo documento d'identità nella parte anagrafica, non ricordava, come era possibile che avesse dimenticato un numero che l'aveva accompagnata per tutta la vita? La risposta è un blocco mentale, forse il tuo cervello ha deciso di dimenticare qualcosa di così basilare per raccogliere tutte le tue energie per l'esame a causa di un forte carico di stress, diamo un'occhiata ad alcune altre cause:

Cause

Quando si esauriscono le parole, quando non si riesce a pensare con lucidità o quando si va in vuoto si sta vivendo uno specifico blocco mentale o emotivo, è una situazione che può verificarsi in qualsiasi momento e circostanza, il problema sorge quando durano nel tempo e finiscono essere un ostacolo che ostacola la nostra capacità abituale di sentire e percepire.

Se non riesci a dormire, il tuo problema non è l'insonnia, è qualcosa che c'è dietro, lo stesso accade quando ti blocchi: il blocco è il sintomo, non succede perché succede, succede perché una serie di disturbi ambientali, sociali, educativi e/o fattori o appresi che ne fanno generare, qui ti dico alcune delle cause per cui questo tipo di disconnessione si verifica nel tuo cervello:

  • Meccanismo di difesa: In situazioni molto stressanti il ​​nostro cervello conclude che non abbiamo gli strumenti necessari per far fronte all'evento e quindi sceglie di disconnettersi per evitare la sofferenza, il blocco da parte di un meccanismo di difesa può portare alla perdita di coscienza. Ad esempio, svenimento quando si ascoltano notizie altamente inaspettate.
  • Ansia : L'ansia è una risposta incompatibile a una paura, normalmente una paura irrazionale, il blocco può essere la conseguenza di quella risposta. Ad esempio, la mancanza di controllo su un ambiente genera fattori di ansia che possono portare al blocco mentale.
  • Basso livello di intelligenza emotiva: Conoscere se stessi ha a che fare anche con il riconoscere un sentimento nel momento in cui si manifesta, la capacità di seguire le proprie emozioni momento per momento è fondamentale per capire se stessi, d'altra parte l'incapacità di percepire le nostre emozioni ci lascia completamente alla tua mercè, è altrettanto importante saper identificare l'emozione che gestirla. Ad esempio, se ogni volta che ti senti in imbarazzo quando parli in pubblico ti blocchi, c'è un problema nell'individuare e gestire l'emozione della vergogna e quindi sarà necessario lavorarci prima.
  • Colpevolezza: Molte persone sono cresciute sotto la tutela della paura e del senso di colpa, senza avere la libertà di dubitare e mettere in discussione il proprio comportamento.I genitori che puniscono o criticano il minimo errore creano adulti con mancanza di fiducia in se stessi, scarsa conoscenza di sé e bassa autostima . La ferita più grande è non essere stati amati. Questo può alla fine trasformarsi in gravi blocchi emotivi o gravi.
  • Stress continuo: carico di lavoro eccessivo, la morte di una persona cara, fare troppe attività, avere aspettative troppo alte o problemi finanziari sono fonti di molto stress che possono perfettamente far dire basta alla tua mente! e crollare. 

Vuoi gestire al meglio le tue emozioni e imparare a liberare la mente da tanto rumore? Scopri di più sul nostro corso di minfulness online.

Sintomi e Identificazione

È facile identificare un blocco mentale specifico, la nostra mente si svuota e le parole potrebbero non uscire, è l'incapacità di pensare con chiarezza, quando il problema è maggiore e il blocco ha ostacolato parte della nostra giornata, sintomi come:

  • Perdita di energia: è arrivato un momento in cui qualsiasi piano ti rende pigro, senti di non avere la forza necessaria per svolgere le attività quotidiane.
  • Esaurimento: fisico e mentale.
  • Insoddisfazione con la tua vita in generale.
  • Incapacità organizzativa in ambito lavorativo e/o familiare: Quando ti senti affaticato, diventa difficile per te prendere decisioni, la capacità di affrontare i problemi e cose che prima ti potevano sembrare molto semplici ora non lo sono.
  • Paure e insicurezze costanti: apparire accompagnato da sfiducia in se stessi e bassa autostima.
  • Somatizzazione: Mente e corpo sono correlati, quando compaiono blocchi mentali, possono portare con sé mal di testa, problemi alla pelle o problemi gastrointestinali.

Come superare il blocco mentale: Trattamento

Come sempre la prima cosa da fare è riconoscere la causa del blocco, cosa genera per me questi blocchi specifici? o Perché sento che non sto andando avanti, stagnante? Una volta che hai la causa o le cause che generano questa situazione e con l'aiuto di un professionista puoi seguire questi consigli per affrontare il blocco:

  • Attività gradevoli: devi liberare la mente e rimanere attivo: leggi, corri, impara una lingua, viaggia, scala montagne, ecc. L'importante è cercare le attività che ti interessano e che ti costringono a metterti in gioco.
  • Conoscere le tue emozioni: Cosa sta succedendo dentro di me in questo momento? osserva, senti l'emozione, nominala, identificala e non lasciare che ti prenda il sopravvento.
  • Impara a rilassarti: Vai a tecniche che ti aiutano, fallo sempre accompagnato dalla respirazione consapevole. Conosci la consapevolezza? Con la pratica della mindfulness sarai in grado di lavorare sulle tecniche per ridurre lo stress e l'ansia.
  • Amati!: Quello che pensi di te stesso, quello che pensi di valere (la tua autostima) è molto importante, aiutati ad aumentarlo cercando situazioni che ti diano fiducia e sicurezza.
  • Poniti obiettivi facili da raggiungere: e alza l'asticella a poco a poco.
  • Cerca di sviluppare la tua creatività: attraverso la pittura, la scrittura, la cucina o qualsiasi attività che ti aiuti a valorizzarlo.
  • Inserisci sempre delle pause: nelle tue attività
  • Esprimi ciò che non hai espresso e chiudi ciò che non hai chiuso: Freud diceva che le emozioni inespresse non muoiono mai, restano lì dentro ed escono nel modo più brutto, esprimersi ti aiuterà a mettere in ordine i tuoi pensieri e le tue emozioni in modo che non si blocchino.

También te puede interesar

Introspezione: la chiave per una vita più felice e creativa

Ti sei mai chiesto cosa pensi, senti e desideri veramente? Ti sei mai fermato a riflettere sulle tue motivazioni, le tue emozioni, i tuoi valori?…

La noia: un'opportunità per la creatività e il benessere

La noia è un sentimento universale, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Ci si annoia quando non si trova nulla di interessante…